Lorella Cuccarini fa arrabbiare (ancora) la comunità LGBT

Ci risiamo.

07 Set 2020 Fabiano Minacci • Tempo di lettura: 4 minuti

Una nuova polemica ha investito Lorella Cuccarini, su Twitter se la sono presa con l’ex conduttrice de La Vita in Diretta per un like ad un tweet davvero bislacco.

Questo è nulla, perché alcuni siti LGBT (Gay Burg tra tutti) hanno notato che la sovranista più amata dagli italiani (sovranisti) ha partecipato ad un convegno organizzato dal Comitato Articolo 26, l’associazione vicina a Gandolfini, il padre del Family Day. “Lorella Cuccarini sul palco delle lobby anti-gay che si oppongono al contrasto dell’omofobia e alle unioni civili“, così titola Gay Burg.
Tutto questo un mese dopo che Lorella ha messo un ‘mi piace’ ad un tweet contro la legge che contrasta l’omofobia e che definiva il DDL Zan una ‘legge liberiticida’ (per non parlare delle dichiarazioni contro le adozioni gay e la gestazione per altri).

Chi sono i ‘Comitato Articolo 26′? Ecco un po’ di informazioni che risulteranno utili.

Lorella Cuccarini ha anche posato insieme ad Enzo Pennetta: “Piacevolissimi incontri”.

A me la cultura del “cancelled” o dell’IsOverParty proprio non piace, però devo dire che non riesco più a fare il tifo per Lorella (che continuo a reputare una delle più brave conduttrici), non ascolto più la sua musica con piacere, eppure ero un suo grande fan e sono cresciuto con le sue trasmissioni e con pezzi come Un Altro Amore No e La Notte Vola. Se non altro adesso sappiamo come la pensa e questo ci servirà per capire che le nostre icone ce le dobbiamo scegliere meglio e che non bastano due coreografie carine e un programma trash per giurare amore ad una conduttrice, cantante o attrice.

E comunque: Ocio, gay, super ok!

Share this article

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e

Twitter!