Kenneth Felts a 90 anni rivela alla figlia di essere gay, lei lo aiuta a ritrovare Phillip il suo primo vero amore

La storia di un coming out bello e particolare, con un finale un po' amaro.

29 Lug 2020 Fabiano Minacci • Tempo di lettura: 3 minuti

Non c’è un modo giusto e nemmeno un’età perfetta per fare coming out e Kenneth Felts ne è un chiaro esempio. L’uomo ha da poco fatto coming out, a 90 anni ha rivelato a sua figlia di essere omosessuale. La donna è lesbica e molti anni fa a sua volta aveva fatto coming out con il padre, quindi ha capito perfettamente le emozioni che stava vivendo Kenneth. Rebecca non si è limitata supportare il papà, ma ha anche voluto sapere se si era mai innamorato e quando ha scoperto che a 20 anni aveva avuto un fidanzato segreto ha deciso di ritrovarlo. Purtroppo il primo amore di Kenneth, Phillip, è morto e anche lui aveva vissuto decenni nella bugia di un – finto – matrimonio eterosessuale.

“Vorrei non aver mai lasciato Phillip. Mi innamorai di lui a 20 anni, purtroppo era un’altra epoca. Per tanto tempo ho sotterrato la verità nel fondo dell’anima, ma non volevo avere a che fare col disprezzo della società né essere etichettato come un degenerato o un pervertito. Oggi per fortuna la gente è molto più aperta e in qualche modo ho avvertito di dover trovare il coraggio di confessarlo, lo dovevo alla mia famiglia.
La risposta positiva della gente in tutti gli Stati Uniti e nel mondo è semplicemente meravigliosa, tanti mi hanno scritto per dirmi che la mia storia li ha aiutati a non esitare più nel confessare il loro orientamento sessuale. Spero che le persone possano trovare coraggio ed essere accettate per ciò che sono.

Con mia figlia abbiamo provato a cercare il mio amore. Ho provato a ritrovare Phillip, grazie ai social sono stato messo in contattato dalla nipote: purtroppo ho saputo che è morto, ma aveva vissuto una vita felice e si era sposato con una donna. Con lui ho condiviso gli anni migliori della gioventù ed è stato lo stesso anche per lui, ne sono certo. Lo ricorderò e lo amerò per sempre. Lui mi manca, non parlare di lui per tutti questi anni è stato pesante, mia figlia non sapeva della sua esistenza, eppure era il mio primo amore. Con lui stavo bene, non ci facevamo vedere in pubblico perché altrimenti rischiavamo la prigione, essere gay era illegale, però ci amavamo tantissimo”.

Rebecca è felice perché sente che il padre si è finalmente liberato di un peso che ha portato fin troppo a lungo: “Da un lato sono felice, ora può finalmente essere se stesso. Dall’altro mi sento terribilmente triste pensando che abbia perso l’amore della sua vita e che si sia dovuto nascondere per 70 anni”.

E di Kenneth Felts ce ne sono milioni, anche oggi, anche in paesi come il nostro dove essere gay non è illegale. Purtroppo non solo le leggi, ma anche l’omofobia della società condiziona le vite delle persone e rovina esistenze e amori.

 

Kenneth Felts racconta la sua storia, il video.

Mostra i commenti

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e

Twitter!